Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  17 Apr 2009 20:49
sabbia e' il sapore della mia non vita.
sono morta ma non tecnicamente: sono un guscio vuoto come certe conchiglie.
non provo piu' nulla per nessuno...come se le persone fossero dietro ad un vetro spesso...Depressione?
probabile ma ho provato di tutto avro' fatto tra analisi e psicologi almeno la meta dei miei anni in terapia (ne ho 43)per non parlare di farmaci
si e' rotto il meccanismo e non ho piu' nessuna cura di me del mio lavoro...non ho neanche piu' paura di star da sola ....l'unico momento di sollievo e' quando dormo...e il risveglio e' solo motivo di angoscia...e di trovare il modo di arrivare alla sera come un tossico...e la cosa ironica e' che non ho nessun vizio , non fumo non bevo mai una droga....
semplicemente ho mollato la presa e sono alla deriva.
nessuno mi puo' aiutare se non lo faccio io
ma io
non ci credo piu'.
allora perche' scrivere in un sito come questo dove
nessuno rispondera'?
per trovare nell'ennesimo silenzio la soluzione
Inserito:  23 Apr 2009 11:34
cara Isa, sono qui,per offrirti un pò di conforto, per starti vicina almeno un momento. E' poco quello che posso offriti ma spero sia  qualcosa che possa riscaldare un pò il tuo cuore...
Non arrenderti, non sentirti sola ed alla deriva. Il silenzio di molti non è indifferenza è difficoltà a rispondere agli appelli come il tuo dove il  dolore è tangibile, la disperazione pesa,la paura è di non trovare le parole giuste per raggiungere il tuo cuore ferito.  Ma io son sicura che molti leggendo si sono fatti vicini...piccoli piccoli e stanno dicendo : DAI RESISTI.   
Se leggi qui e là nel forum ci sono tanti messaggi come il tuo..e poi poco alla volta le stesse persone hanno iniziato a mandare messaggi più lievi, messaggi di rinata speranza e fiducia e forza.
Anche i gusci vuoti, le conchiglie finite sulla spiaggia, abbandonate dal mare,  possono conservare un piccolo tesoro ed essere un piccolo tesoro per chi le sa apprezzare. Bisogna solo raccoglierle, teneramente ripulirle dalle incrostazioni,e saper apprezzarne la bellezza.   E ti assicuro che ci sono i raccoglitori di conchiglie !!!!
Spero leggere ancora tuoi messaggi, ti aspetto ...un abbraccio zara
Inserito:  23 Apr 2009 18:15
@Isa,
cara Isa,intanto dopo il tuo sfogo sei arrivata alla conclusione che nessuno ti avrebbe risposto e intanto ho visto che qualcuno ha già risposto. La tua sofferenza si coglie fortemente da ogni cosa che scrivi,forse proprio per questo chi si trova a leggere,rimane un pò privo di parole.Io pure,ti ho letto giorni fa,ma non ho saputo risponderti,mi sono sentita impotente davanti alla tua situazione,però ti assicuro che non ti ho voltato le spalle,ti ho pensato spesso,tant'è che son tornata a vedere se qualcuno avesse raccolto il tuo grido di sconforto.
Non ho soluzioni da darti,ti sto vicina e per adesso è tutto ciò che ho da offrirti.
Con affetto,ciao.
Inserito:  24 Apr 2009 00:15
Cara Isa, per me è sempre così incredibile leggere testimonianze come la tua dove ritrovo le mie stesse, identiche emozioni (io ho all'attivo 14 anni di cure tra psicoterapia e farmaci su 44 anni di vita dove non ho combinato granchè). Io, oltre a sentirmi vuota, mi sento proprio fallita, dato che tutto il lavoro che ho fatto su me stessa, non mi ha aiutata più di tanto, visto che a malapena riesco ad alzarmi dal letto. Questa sconfitta per me  è un grande motivo di frustazione, dato che ogni giorno che passa, dove non riesco a vivere, si aggiunge a quello precedente in una catena senza fine. Cerco di trovare in tutti i modi qualcosa che mi permetta di reagire, magari partendo dalle piccole cose quotidiane e, a volte, riesco. Ma poi ritorno al punto di partenza.
Io vorrei capire perchè tutti i tentativi di emergere dalla mia sofferenza (e anche della tua, e degli altri), non funzionano, o funzionano solo per brevi periodi, mentre rimangono costanti il senso di vuoto e l'angoscia di vivere. Cerco di capirne la causa. Che non può essere solo: è colpa mia che sono incapace o pazza; o è colpa degli altri che non mi hanno aiutato abbastanza; oppure prendersela con la vita, con i traumi  e i lutti subiti. Vorrei davvero trovare una risposta...
Ciao, Isa, e un forte abbraccio a tutti.
Inserito:  21 Dic 2011 20:15
Calore