Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  22 Dic 2009 13:10
Rieccomi..volevo chiedere un ulteriore consiglio riguardo la storia con il mio ragazzo..già definirla una "storia" mi sembra troppo(Stiamo insieme da due mesetti circa)..dentro di me in realtà non mi sento nemmeno fidanzata..All'inizio ho provato delle emozioni stupende e pensavo addirittura di essere innamorata di lui..ma poi da quando sono ricrollata in quest'apatia..non riesco più a provare niente di forte nei suoi confronti..solo tenerezza a volte..appena l'ho conosciuto mi sembrava perfetto il classico ragazzo dolce,romantico,sensibile e sopratutto serio che ho sempre sognato..ma da quando mi hanno fatto quella Diagnosi (Di cui ho appena pubblicato qui lòa spiegazione)anche il rapporto con lui si stà spegnendo..mi sembra infantile,immaturo,instabile più di me a voltee sopratutto finto..ho cercato di spiegarglielo..ma lui continua ad affermare che mi ama e che mi resterà sempre vicino perchè nonostante io non sento più niente lui i miei sentimenti nei suoi confronti li percepisce..Io non sò davvero che fare vorrei lasciarlo perchè così mi sembra di prenderlo in giro..non mi sento nemmeno più attratta da lui e poi lo sento troppo falso..cosa che prima non succedeva..lui mi asseconda in tutto e questo mi fà troppa rabbia..se non apro io la discussione il rapporto sarebbe totalmente piatto e idilliaco..per questo al di là quanto io possa star male non credo sia un rapporto sano..gliel'ho spiegato in tutti i modi ma lui continua a dire che gli piaccio così come sono e che nonostante i miei silenzi e sbalzi d'umore stà benissimo in mia compagnia ed io però non riesco a credere ad una parola di quello che dice..per questo divento spesso irascibile..e ci sono cose di lui che propio non riesco ad accettare è troppo sdolcinato con le parole e diventa patetico e asfisiante..ma quello che mi manda in bestia e chew vuole sentirmi al telefono tutti i giorni..anche quando io non ho voglia di parlare..poi magari lo chiamo e mi accorgo che anche lui è in difficoltà perchè non ha niente da dirmi..e poi adesso mi sento davvero troppo istabile per avere un qualsiasi tipo di rapporto..ma sono consapevole che se lo lasciassi non avrei nient'alro che mi dia la forza di continuare a vivere in queste condizioni..
Ora vorrei sapere da voi,Cosa fareste al mio posto??
Inserito:  22 Dic 2009 23:32
cara Happy,non so dirti se la vostra storia sia arrivata o no al capolinea o se questo tuo sentirti estranea e ormai lontana dal tuo ragazzo  dipenda solo dal tuo attuale stato di confusione e di scarsa fiducia nelle tue possibilità e capacità. 
Cosa fare al riguardo lo puoi decidere solo tu ma prima di dare un taglio netto al rapporto prova a chiederti se  in questo momento la sua vicinanza, il suo essere presente nella tua vita non sia per te, nonostante tutto, un valido  aiuto nei momenti di maggiore sconforto.  Forse i suoi approcci sono maldestri, può sembrare asfissiante,invadente, poco sincero, sdolcinato ma forse pure lui  è in difficoltà, confuso dal tuoi comportamenti  e non sa trovare altre modalità  per dimostrarti il suo affetto,per aiutarti,per starti vicino, coccolarti un pò visto che tu respingi ogni manifestazione, contesti tutto e cerchi tutti i modi per allontanarlo da te.
Sei sicura che da sola ti sentiresti meglio? che veramente lui sia per te solo un peso di cui liberarti al più presto ?   
Camminare in due comporta la fatica di adattare il passo a quello dell'altro, la necessità di rispettare i reciproci momenti di stanchezza e bisogno di soste ma rende meno  pesante e difficile raggiungere la meta.
ciao con simpatia , zara
Inserito:  30 Dic 2009 22:18
happyAnymore89, ciao! non credo che sia giusto stare con una persona solo per "usarla" come forma di appoggio in un momento o periodo di propria crisi. Tu così senti che lo stai prendendo in giro, che il vostro rapporto non è autentico. Però è anche vero che lui dice che desidera comunque starti vicino, che a fianco a te sta bene nonostante tutte le difficoltà, gli sbalzi d'umore, i silenzi e il tuo carattere complicato e discontinuo. Forse siete entrambi un pò in difficoltà, e lui desidera aiutarti in qualche modo perchè a te ci tiene, e ci sta provando con tutte le difficoltà e i limiti che la cosa gli comporta. Volevo invitarti a riflettere sul fatto che questa è una bella cosa. Sostenersi, affrontare insieme i problemi, le difficoltà, l'instabilità. Se lui è consapevole del tuo malessere ma vuole starti vicino, perchè farsi sensi di colpa? a volte occorre saper accettare la mano tesa e l'affetto, l'amore che ci vengono offerti, e non aver paura di accettare l'aiuto, anche se impacciato e apparentemente improduttivo. Inoltre tieni conto che vi conoscete solo da due mesi: dai tempo a questo rapporto di crescere, di maturare, dagli una possibilità. Ciao, auguroni cara amica!!
Inserito:  17 Ago 2010 18:26
Grazie ragazze!:) Adesso a Ottobbre facciamo un anno che stiamo insieme e posso avere la certezza che lui non era finto,mi ama davvero!(Forse come non mi ha mai amato nessun'altro!) Solo che se non mi lascia nonostante tutto,è perchè il suo è un amore dipendente..lui ha bisogno di me quanto io di lui,anzi forse anche di più!! Un giorno abbiamo litigato e lui è rimasto in balcone a fissare il vuoto per 10 minuti,mi sono preoccupata proprio perchè conosco bene quel tipo di sguardo,avendo mia madre depressa e aspirante suicida da prima che io nascessi,non potrei non conoscerlo!
io sono andata vicino a lui con una scusa gli ho chiesto di entrare e dopo mi ha confessato che voleva buttarsi di sotto!e preciso che lui si presenta ottimista,sicuro di sè,ironico ecc. ma ho capito subito che era una maschera..
Cmq adesso il problema è sempre che non lo amo e per correttezza gli ho dato un'ultima possibilità(anche a lui..)se le cose non cambiano prima lo lascio e poi decido cosa fare della mia Vita!!