Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Internet@mico / VIVERE LE EMOZIONI / Amore. Un sentimento profondo / Una storia che non se ne va
Inserito:  07 Gen 2011 21:27
Sono passati ormai 6 mesi da quando la nostra storia è finita. Era la mia prima storia anche se ho 22 anni. Non avevo mai avuto niente prima con nessuno. Stavamo insieme da un anno ormai quando è finita. Nell'ultimo periodo litigavamo spesso, lei aveva trovato lavoro come oss (operatrice socio sanitaria) in una casa di riposo e facendo i turni era diventato quasi impossibile vedersi in più quando capitava che ci vedevamo era sempre stanca e parlava solo di lavoro. Sono arrivata al punto che mi sembrava di stare insieme al suo lavoro e non più a lei. Non mi dava più le stesse attenzioni e a me forse infantilmente mancavano.
Così non abbiamo fatto che litigare per un mese e alla fine abbiamo deciso di finirla. Ma già dopo pochi giorni avevo capito che non era quello che volevo. Sono tornata da lei ma forse era troppo presto le ferite che ci eravamo fatte erano ancora aperte e per quanto abbia provato a convincerla di riprovarci non ci sono riuscita.
Circa un mese dopo è stata lei a cercarmi ma a quel punto ero io che non ne volevo sapere, mi sentivo presa in giro e avevo paura. Di lì a pochi mesi è stato di nuovo il mio turno di cercarla, le ho detto di provarci insieme che io avevo capito tante cose così abbiamo provato, ci siamo viste, siamo state bene insieme ma lei non mi amava più.

Sono passati sei mesi ormai sei mesi che ogni mattina spero di non svegliarmi mai (lo so è stupido e mai avrei detto che avrei fatto/detto le cose stupide che fanno/dicono tutti ma è così). Sei mesi che ho imparato cosa dovevo fare quando ne avevo il tempo e non l'ho fatto. Sei mesi che mi chiedo ma come si fa a smettere di amare? Non ci sono stati tradimenti tra noi nè mancanze di rispetto, abbiamo litigato ma è normale quante volte ho visto i miei genitori litigare eppure ancora stanno insieme. Ogni mattina mi sveglio e mi odio, mi odio per non aver capito che la stavo perdendo, mi odio per non aver saputo cosa dovevo fare, mi odio per averla fatta soffrire e mi odio pure perchè la amo ancora e così non posso esserle nemmeno amica perchè non ci riesco.
Voglio solo renderla felice e non posso.
Poi ti chiedi come puoi voler sposare una persona, voler andarci a vivere insieme, farci un figlio se fosse stato possibile ma per noi si sa era impossibile, volere tutte queste cose e poi all'improvviso dire non ti amo più.
Certo è facile dire lasciala perdere ti ha solo preso in giro, ma so che non è così, so che mi amava e che quando diceva quelle cose era sincera.
E poi ti chiedi ma lo so davvero? Si puoi mai conoscere davvero una persona? Essere sicuri che quello che dice è vero? E' così difficile già conoscere sè stessi...

Non so perchè sono qui stasera...forse perchè come la rabbia non so controllare nemmeno il dolore e sto affondando...solo...
[b]
se amate qualcuno fate attenzione, state attenti, e se questa persona vi rende felice tenetevela stretta, non perdete tempo a litigare per questioni stupide e di poco conto...perchè i rapporti si deteriorano...e quando sarà finita starete lì a chiedervi come ho fatto a non accorgermi che stavo rovinando tutto?Che la stavo perdendo? E non farte che rimproverarvelo ogni mattina.
[/b]

Papavero
Inserito:  09 Gen 2011 11:09
hai ragione, è difficile accettare la fine di una relazione soprattutto quando si ama ancora.  Non sempre le storie finiscono perche finisce l'amore in sincrono perfetto con l'altro. A volte uno dei due rimane lì, annichilito con i suoi dubbi e rimpianti, con il suo amore non più corrisposto.  Ed  a quel punto inizia il lento e terribile logorio della mente: i pensieri che vanno liberamente dove vogliono e arrivano sempre lì...al tormento.    Ed allora diventa  difficile non mettersi a  recriminare, analizzare tutti i perchè ed i se... difficile non tornare mille volte a rivivere  i  momenti cercando risposte ai dubbi, motivazioni  ragionevoli per le scelte fatte  magari seguendo impulsi ed emozioni, difficile soprattutto non cercare conforto nella speranza che tutto possa ricominciare al punto in cui si è interrotto (come in una bella favola a lieto fine!)
Un tormento ed un logorio di pensieri che può durare a lungo, da cui sembra di non poter uscire che in un solo modo: ritornare con la persona che tanto ci ha fatto soffrire  ...o non amare più nessuno, chiudendo il cuore alla speranza ed alla gioia.
Ma per fortuna il tempo poco alla volta ci porta all'accettazione, la rabbia ed il dolore un pò si placano e ... si ricomincia a vivere e magari ad amare nuovamente...e questo è il mio augurio, ciao
Inserito:  07 Feb 2011 13:15   Ultima modifica di: Innamorata
Mi sembra di rivivermi...
Inserito:  08 Ago 2011 14:18
Ciao a tutti, sono nella stessa situazione di Papavero. Lasciata dopo diciotto anni di relazione e nove di convivenza. E' stato sempre tutto difficile e sofferto, almeno per me. Nonostante tutto avrei continuato a lottare, ma lei mi ha voltato le spalle scegliendo una strada più divertente e meno impegnativa, scaricandomi addosso tutta la responsabilità del fallimento. Gli amici mi invitano a distrarmi e non pensarci.  Le giornate sono lunghissime e segnate dalla sua assenza (emotiva. Purtroppo lavoriamo nello stesso posto) e dalla sua indifferenza. Non riesco a smorzare e contenere il dolore. Aiutatemi,per favore. Mi sento schiacciata dalla solitudine.  e dal dolore.
Tulipano68
Inserito:  08 Ago 2011 14:44
Non so proprio cosa dirti...sono,mi sa,l'ultima persona che può darti consigli. Ma spesso anche io mi sento schiacciata dalla solitudine...quindi in questo ti sono vicina. Di certo non è tutta tua la responsalità della fine della vostra relazione. Non è un fallimento..è una fine,un cambiamento.
Non sei sola...hai degli amici...non è poco devi credermi...concentrati su loro...ascoltali...non è cosa da poco ricevere dei consigli...per quanto ti possano sembrare sbagliati nel dolore...l'amicizia è meravigliosa,indispensabile..
Per quanto vale mi piacerebbe starti vicina in questo momento...
Scusa se ti ho detto qualcosa di sbagliato.
Tienimi aggiornata...
lu
Inserito:  08 Ago 2011 16:29
Ciao Lu, ti ringrazio della risposta e dell'incoraggiamento. Ho difficoltà a reagire perché mi sento svuotata. Ho passato diciotto anni dedicandole tutto il mio tempo, non ho mollato nei momenti difficili. Ho ricevuto in cambio solo parole, ultimamente neanche buone. Non riesco a non pensarci. Capisco razionalmente il punto di vista dei miei amici e apprezzo il supporto che possono darmi. Solo che non riesco a chiudere la porta e cancellarla dalla mia vita. Mi sembra di non averne la forza e non trovare la strada. Ed altri recenti problemi di salute non aiutano...
Tulipano.
Inserito:  08 Ago 2011 17:43
Mi dispiace. Mi sa che non puoi dimenticarla...è naturale...è una parte della tua vita nel bene e nel male...
non posso nemmeno immaginare che cosa significhi passare 18 anni con una persona...ma credo che sia un'esperienza troppo forte per cancellarla.Questo non significa che devi lasciarti travolgere.Non puoi vivere nel passato. Non potresti cambiare lavoro? deve essere difficile un contatto quotidiano...lei come si comporta?
A presto
lu
Inserito:  08 Ago 2011 20:57
Indifferenza assoluta. Ha solo informato qualche collega del fatto di essere nuovamente libera, scaricando su me la piena responsabilità della cosa. Purtroppo.cambiare lavoro non e' possibile. Mi ferisce pensare che da molto tempo non provasse più nulla ma che abbia continuato a far finta di nulla, forse affinché l'aiutassi con un suo familiare infermo. Di errori ne ho fatti tanti, ma non ho mai smesso di amarla o di occuparmi di lei.
Grazie dell'ascolto.
Tulipano
Inserito:  08 Ago 2011 22:25
Mi dispiace..brutta storia...mi sa che non era la persona giusta purtroppo...che dire...a questo punto non ci sono molte opzioni..pensa a come rifarti una vita...Nuove persone all'orizzonte?
Che bel nick "Tulipano"...
...grazie a te per esserti confidata...
mi piace ascoltarti : )
Tienimi aggiornata

Lu
Inserito:  09 Ago 2011 05:17
Ieri ho provato a parlarle per farle capire come mi sono sentita in questi anni. Ma non ascolta ed etichetta la mia sofferenza come una sciocchezza. Non si mette mai in discussione, nonostante riferisca di farlo. Non mi ha mai ascoltata ed io, stupidamente, pretendo che lo faccia adesso... Eppure sento la necessità di capire per poter mandare avanti. La mia vita.

Grazie ancora.
Tulipano.
Inserito:  10 Ago 2011 07:41
E se le risposte alle tue domande non arriveranno? Se non vuole ascoltarti per aiutarti a capire quello che provi? Dovrai rinunciare...è così importante una spiegazione?...

Lu
Inserito:  10 Ago 2011 11:08
Forse in questo momento lo e' perchè ho bisogno di mettere un punto e sapere da dove ripartire. Ieri mi e' stata data un'altra brutta notizia per quanto riguarda la mia salute e vorrei proprio fare chiarezza per poter andare avanti. Vorrei tanto addormentarmi e risvegliarmi tra un anno e dimenticare la rabbia e il dolore.
Tulipano.
Inserito:  10 Ago 2011 11:32
Anche io a volte vorrei addormentarmi...
...
che bella immagine "mettere un punto"...io di solito sono in sospensione...
Ma non hai bisogno di lei per metterlo,come sai,puoi metterlo da sola...
mi dispiace molto per i tuoi problemi di salute...vorrei esserti vicina
lu
Inserito:  11 Ago 2011 18:55
Ciao Lu, mi sei gia' vicina. Sai ascoltare e condividere i pensieri e questa e' una cosa importante. Tante persone, come me, si sentono invisibili e senza voce. Ascoltare significa renderci dignità e spessore.
Grazie.
Tulipano
Inserito:  11 Ago 2011 19:21
Grazie a te...è bello sapere di riuscire ad ascoltare...e poi è piacevole ascoltarti : )

Tienici aggiornati,tienimi aggiornata.
A presto
Lu
Inserito:  14 Ago 2011 14:28
Ciao,
i giorni festivi sono quelli in cui la solitudine e il dolore ti aggrediscono di più. Gli altri sono occupati con famiglie e amici e ti ritrovi sola con le briciole del tuo mondo tra le mani.
Un paio di giorni fa, una persona al corrente di tutta la mia storia ha deciso di rivelarmi quella verità che desideravo conoscere per poter provare ad andare avanti. Purtroppo tutto quello che avevo temuto negli ultimi 5 anni, da lei negato strenuamente, è invece avvenuto. Anni di bugie perpetrate allo scopo di mantenere una situazione di comodo. Nessuna considerazione per i miei sentimenti.
Mi chiedo come abbia trovato il coraggio di andare a piangere in giro, dichiarandosi vittima di una situazione schiacciante.
Non so come uscirne. Al dolore si è aggiunta anche la rabbia.

Tulipano
Inserito:  14 Ago 2011 17:56
è salutare la rabbia. Arrabbiarsi è reagire. Il primo passo per ricominciare. Sarebbe peggio infatti rimanere intrappolati nel dolore...
Meglio così quindi...e poi hai saputo la verità..mi fa piacere...anche se non è uscita dalle sue labbra..

Passa questi giorni con gli amici...oppure potresti provare a scoprire una persona nuova,qualcuno che non hai frequentato per una qualche ragione...a volte questi incontri sono sorprendenti.
o magari puoi cercare di essere di aiuto a qualcuno in difficoltà...scegliere di passare le feste in un ospizio...o in un ospedale...

Buon ferragosto!!! : )

Lu
Inserito:  06 Set 2011 22:26
Ciao, è passato un mese e le cose sono peggiorate. La vedo sempre più felice. Io sto sempre peggio. Non ce la faccio più.
Tulipano
Inserito:  07 Set 2011 15:03
Ciao,
mi dispiace
è dura accettare che adesso lei sia "sempre più felice".
Magari è solo una maschera.Magari no.Ma è un fatto.
Quindi la situazione è questa: vi siete lasciate.

Cosa puoi fare adesso?

Dal tuo penultimo messaggio si capisce che lei non è una persona meravigliosa.Non per te.Non lo è se si è comportata in quel modo.Ma perchè è così difficile dimenticare una persona che ha saputo farci così tanto male?
Alla fine sì, sei sicuramente stata felice con lei...ma ora non lo sei più...con lei.
Ma avresti preferito che le cose fossero rimaste come prima? anche alla luce di ciò che ti ha detto quella persona? Ricorda "anni di bugie..nessuna considerazione per i miei sentimenti"
Non è stato giusto tutto questo...è normale che tu adesso ti senta molto molto ferita. Ma pensa LEI la persona che ti ha fatto così soffrire è più felice di te. Nemmeno questo mi sembra giusto,no?

Cosa puoi fare adesso?

Dicono che il tempo guarisca tutte le ferite.
Forse.
Ma forse il tempo da solo non basta.
Le persone meravigliose esistono...bisogna cercarle.. chi ha il potere di migliorarci la vita.
Siamo 6 miliardi..non puoi essere davvero sola..

Cosa vuoi fare adesso?

Ti abbraccio (anche se solo virtualmente)
tienimi aggiornata
lu
Inserito:  24 Dic 2011 10:16
E ora mi chiedo che fine hai fatto...egoisticamente?
Sì, entrare nelle vite degli altri seppur rimanendo alla comoda distanza di sicurezza del pc è comunque coinvolgente...ma non si deve certo avere la presunzione di essere qualcosa di più di qualche parola e un po' di conforto in un momento buio..