Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  07 Mag 2017 03:33
Ciao a tutti, mi chiamo G. e scrivo da Roma. Sono una ragazza brasiliana di ventidue anni che vive in Italia da quand'era piccola. Ho vissuto la mia esistenza come molti qui nel forum: calpestata dalla vita in continuazione. Mi sono rialzata un migliaio di volte. Tutto è partito dall'apatia totale di mia madre nei miei confronti, che ha dichiarato più volte di non amarmi e che crescermi è stato un inferno. Poi sono arrivati gli abusi sessuali iniziati quando avevo solo 15 anni. Sono diventata un'adolescente ribelle, in quel periodo: l'incasinarmi la vita era l'unica maniera di esprimermi. Dunque andavo molto male a scuola, non mi dedicavo abbastanza a me stessa e trascuravo tutte le cose importanti. Sono cresciuta senza talenti e senza voglia di scoprire chi sono veramente. Mi reputavo e mi reputo già senza speranze, una persona priva di alcuno scopo, senza un futuro nitido a cui appigliarsi. Sono caduta in depressione a sedici anni. Depressione che ho nascosto dietro a sorrisi e bugie, tante, TANTISSIME bugie. Il senso di colpa per non essere stata una buona figlia e per non essere stata una persona decente mi raschiano via ogni barlume di speranza. Ogniqualvolta mi ritrovo a guardare la finestra della mia stanza, all'ottavo piano, e medito. Medito sulla sensazione di vento tra i capelli prima dell'impatto col pavimento. La pace che mi porterebbe schiantarmi e vedere il nulla. Ma poi ci ripenso sempre. Non posso andarmene se prima non rimedio il fatto di essere stata un inferno per mia madre. Non so cosa io abbia fatto per non meritare il suo amore, ma ho bisogno di rimediare, in qualche modo.
Ho bisogno, però, di un posto dove rifugiarmi in momenti come questi. Ho bisogno di essere compresa da qualcuno.

Scusate lo sfogo.
Inserito:  07 Mag 2017 08:54
Ciao capisco benissimo il tuo stato di malessere,anch io vivo una situazione divorato dal senso di colpa
Inserito:  17 Mag 2017 23:08
Ciao ladyjeans, posso dirti? Smettila di darti delle colpe, semplicemente ci sono donne che nn provano istinto materno, forse troppo prese da sé stesse per riuscire a dare agli altri. Ci hai provato in tutti i modi ad attirare la sua attenzione e ti sei incasinata solo la vita, nn sei tu che nn sei stata una buona figlia, è lei che come madre avrebbe dovuto decodificare i segnali che le lanciavi. L'unica cosa a cui devi rimediare è nn avere avuto abbastanza amore per te stessa. Io ho fatto la figlia perfetta per 47 anni, studiosa, affermata nel lavoro, stimata dalla gente, ma mi ritrovo con una madre che è la cattiveria in persona. Ho fatto qlcs per meritarlo? No! Eppure è così. Semplicemente succede. Ci sono mamme così. E nn è colpa dei figli. Non è colpa tua.