Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  04 Nov 2019 21:14   Ultima modifica di: SmileySad
Ciao... Sono nuova.. Non sapevo "dove" andare a buttar fuori quello che mi intasa la testa...
Voglio morire, e penso che sarà così che me ne andrò,  togliendomi la vita quando sarà il momento.  Non ora... Come molti di noi sono una codarda... Ho paura del dolore .. sopratutto quello che causerei. . Ma per questo farò un post apposta. Ora volevo solo dirvi che sono una ragazza di 24 anni, penso di essere devastata dalla vita sin da piccolina... A 15 anni ho fatto un blando tentativo di suicidio, talmente blando che non lo ha mai scoperto nessuno... nessuno , ne famiglia ne psicologi danno peso seriamente alla mia condizione... Il mio dolore.. Io penso sia a livelli inconcepibili per una ragazza della mia età ed è per questo che voglio morire. Perché ne ho abbastanza... Oggi mi  sono ritrovata a pensare alla mia morte dopo 6 giorni di vacanza, in treno(adoro andare in treno e in macchina) ... Così dal nulla... Ho anche pensato nel corso degli ultimi anni più volte a come fare... anzi.. Ora so come fare.. Ho tutto quello che mi serve e forse potrebbe anche essere indolore... ma...
Insomma... Prima di morire mi ci vuole qualche anno... l'unica vera ancora che mi tiene qui è il mio cane... pare stupida come cosa. . Ma ho un legame particolare con lui.. È con me da quando ho 12 anni e non posso abbandonarlo... ma il discorso che volevo fare non era questo...

Mi sento sola... terribilmente sola.. tanto da voler scomparire dalla faccia della terra... Non ho amici veri.. Quelli su cui contare sempre... ho una famiglia che non capisce, nemmeno ci provano.. vado dalla psicologa la quale ha voluto affrontare delle sedute famigliari. . Mi ha vista l'ultima volta dicendomi che con loro dobbiamo lasciare stare perché non ci arrivano ... Con mia sorella (pochi anni più grande di me) è una lotta continua.. MI sento in torto perché lei è gelosa perché ho qualche attenzione in piu dai nostri genitori (perché ho problemi di salute fisica e mentale). Altre volte sembra che andiamo d'accordo , altre mi aggredisce con parole pesanti.. negli ultimi anni Ho avuto qualche relazione con dei ragazzi ma non volevano mai che diventassimo una coppia vera ... Sono sola.. Mi sento sola.. tanto da non voler più vivere... Ho lasciato gli studi universitari perché non riesco a passare gli esami...
Mi sento così. .. necessito di affetto coccole e qualcuno che mi ascolti... ma non ho nulla di tutto ciò. .. E voglio morire... E penso che quel giorno si avvicini sempre di più. .. Non riesco più ad immaginare il mio futuro...
Inserito:  05 Nov 2019 00:20
Hey ciao! Sono una ragazza poco più giovane di te e per quanto non sia esattamente nella tua stessa situazione, capisco profondamente il tuo senso di solitudine e la tua impossibilità nel vedere un futuro davanti a te. Se ti va di parlare, sappi che ti sono vicina!
Inserito:  06 Nov 2019 11:25
E 1 desiderio che abbiamo in molti ma per fortuna o per disgrazia non e cosi semplice anche se il livello di sofferenza e insopportabile si puo meditare il suicidio anche tutti giorni ma poi per metterlo in pratica bisogna quasi staccarsi dal proprio corpo per decidere di volare via se si riflette troppo nn si riesce io l ho tentato 2 volte nn ti dico in ke modo ma il secondo mi ha lasciato danni permanenti nel primo so sopravvissuto dopo 1 settimana di coma ora ci penso ci penso ma nn ho piu tentato nulla un abbraccio stefano
Se si vuol morire o ci si spara se si ha la possibilita io ho provato a procurarmela ma legalmente e impossibile e nel mercato nero devi avere agganci giusti o ci si butta da 1 bella altezza il resto e solo ultetiore dolore nn voglio incitare il suicidio di nessuno sto solo descrivendo la realta senza giri di parole
Inserito:  06 Nov 2019 11:35
Dimenticavo vivo la tua stessa situazione nel senso ho 1 cane al quale so attaccatissimo ma li amo tutti fin da piccolo forte empatia verso gli animali e quindi alla fine desisto perche so che ha bisogno di me e 1 figlio un eterno bambino
Ma il dolore ce sempre continuo a volte fortissimo a volte 1 po meno sono bipolare e borderline peggio di un cancro
Inserito:  09 Nov 2019 12:56
ciao smileysad e a tutti, qualche anno fa scrivevo qui e ora sono tornata con un nuovo nome utente. cara smileysad, scusa se ti scriverò un poema ma ho letto il tuo post e ho avuto la chiara percezione di leggere una persona interiormente bellissima e che potrebbe essere felice. il problema è che il mondo delude profondamente e molte persone dipendono dal mondo, ossia dall'affetto e dalla comprensione degli altri per essere felici. questa cosa non credo si possa cambiare se si è fatti così.
ci si aspetta tanto dai genitori perchè dal mondo esterno impariamo a memoria la favoletta che siano persone meravigliose, si vuole difendere con le unghie e coi denti l'immagine della famiglia finchè non diventa un tabù parlarne male, ma io dappertutto vedo persone infelici e disagiate che quando possono se ne vanno da casa. insomma...è normale che ci sia questo vuoto nella tua vita, e non è perchè non meriti dei bravi genitori. idem per tutte le altre persone... se si è un po' diversi da loro ti criticano e nella migliore delle ipotesi perdono interesse e cercano altro, cercano qualcuno che dia loro qualcosa, mica rapporti basati sulla reciprocità.
è un quadro cupo quello che tratteggio, ma il buio serve per vedere la luce....e allora proviamo a pensare a delle soluzioni...
penso che tu debba per prima cosa pensare a te stessa, tagliando fuori il mondo esterno per un po'. mettiti al centro della tua attenzione, non badare a nessun altro, fidati sono veramente poche le persone che meritano vera attenzione.
se tu hai il desiderio di morire perchè sei sola e ti senti delusa, sono...affari tuoi, nel senso che tu sei l'unica vera padrona della tua vita. ma se non ne hai il coraggio vuol dire che sotto sotto la vita c'è, vuole esserci. altrimenti la paura, il dolore fisico del suicidio sarebbero cose superabili e li supereresti. i sensi di colpa magari sono dei freni, non dico che non ti senti sinceramente in colpa al pensiero di andartene, ma magari sono anche un pretesto inconscio per rimanere viva, e questa è una buona notizia, vuol dire che non vuoi veramente morire.
se cerchi l'affetto nelle persone è perchè vuoi vivere...e stai cercando qui un rimedio per la solitudine.
e allora...le basi ci sono. abbiamo appurato che la volontà di vivere c'è... è vero? che ne pensi?
secondo. se si è belle persone, prima o poi qualcosa di bello succede.
succedono anche cose brutte, e le cose brutte sembrano avere più potere delle cose belle, ma siamo noi che le percepiamo così. dobbiamo andare contro la nostra natura e far prevalere il bello sul brutto.
prova a guardare dentro di te, non guardare gli altri. qualcosa di bello su di te lo puoi trovare.
per quel qualcosa, che potrebbe essere molto, un po' di felicità può arrivare, ma devi lasciar da parte le cose brutte e fare entrare un po' di questa felicità, da uno spiraglio...questo non è altro che il nutrimento per la tua vita.
mi spiego,prova a pensarla così...dentro di te hai la volontà di vivere, ma le mancano delle ragioni per realizzarsi.
se tu fai entrare dentro di te un po' di felicità (derivata dalla tua bellezza), darai alla volontà di vivere una ragione.
è come se la vita fosse un seme che, ovviamente, ha bisogno di acqua e luce per crescere. la tua bellezza sono l'acqua e la luce.
non so se a questo punto ti sei addormentata a leggermi, il punto è...
purtroppo la vita bisogna conquistarsela perchè i genitori, gli "amici"...pensano a sè stessi, o sono troppo babbei per capire gli altri.
appena nasciamo comincia la nostra responsabilità di far andare bene la nostra vita. ci fanno credere di poter contare sugli altri per vivere bene amati da tutti, ma non è così. sono chiacchiere buoniste.
tu fai così.. immagina che il mondo non esista e che tu sia sola con qualcuno che ti è veramente amico. immagina me anche se non mi conosci di persona. parla di te e delle cose belle di te. primo, non sarai affatto sola, secondo ti sentirai felice perchè la bellezza significa felicità, orgoglio...
altro non ci resta che immaginare...inizia così.
immaginare è la chiave per cominciare a vivere.
e poi si va avanti. ma intanto prova a seguire il mio consiglio.
io sono qui, con affetto Dora
Inserito:  09 Nov 2019 23:08
non sopporto di essere e sentirmi sola... non ho nessuno di importante su cui fare affidamento ... avrò 2 amiche di numero e loro hanno i loro problemi.. per loro mi faccio in 4 mando loro messaggi di sostegno quando siamo lontane , corro da loro quando stanno male... ma loro non lo fanno con me... hanno troppe cose da fare.. io sto buttando la mia vita passando le giornate nel letto e sentendomi dire dai miei genitori che non sto male.. secondo loro non ho voglia e basta... sono tremendamente ferita e senza nessuno che mi trascina fuori da questo girone dell'inferno temo che da sola non ho molte possibilità... non chiedo molto... vorrei solo una persona a cui scrivere, chiamare da cui farmi abbracciare quando tutto sembra andare a puttane... non ho più la forza... poi mi sembra di essere presa solo per il culo dagli psicologi. Soffro di binge eating , ho problemi col cibo e col mio corpo assai seri e nessuno lo prende in considerazione. Sono quasi sicura di essere bipolare o qualcosa di simile... passo da uno stato d'animo all'altro come nulla fosse e la cosa mi debilita mentalmente... ma nessuno mi ha mai diagnosticato nulla... ho bisogno di qualcuno che mi insegni a conviverci.. da sola non ci riesco più... sono sfinita.. giuro ho provato mille volte a risollevarmi e quando qualcosa sembrava andare meglio poi tutto mi crollava addosso di nuovo.. non ce la faccio più... non riesco nemmeno a fare un semplice CV .. mi sento un vero fallimento..
Inserito:  10 Nov 2019 01:46
ciao sono di nuovo dora..ho controllato il sito prima di andare a dormire e volevo scriverti anche se ho sonno. grazie di aver aggiunto un messaggio parlando di te.
è una frase fatta lo riconosco ma mi ci rivedo molto in quello che scrivi e anche se non ho ancora trovato una soluzione ai miei personali tormenti mi permetto di offrirti la mia opinione, senza intenti da strizzacervelli (li considero inutili). Prima di tutto, una cosa che mi preme perché ci convivo da anni...se hai sbalzi d’umore nel corso della giornata potrebbe essere un problema ormonale o la conseguenza di una sindrome depressiva. Mia sorella o presunta tale è bipolare, da quel che so della malattia i due poli euforia/depressione non si manifestano a breve distanza l’uno dall’altra. Inoltre il bipolare nei momenti di crisi acuta può essere estremamente aggressivo e non mi sembra il tuo caso. Potrebbe essere appunto un fastidio a cui tante di noi donne siamo soggette e che deriva dal ciclo. non bisogna sottovalutare assolutamente la cosa perché nella forma più grave il disturbo può portare a serie conseguenze come appunto...il suicidio.
Se soffri di depressione clinica, altra ipotesi che spiega i mutamenti di umore, potrebbero prescriverti antidepressivi e ansiolitici, sulla loro efficacia c’è una letteratura infinita, diciamo così di sicuro c’è l’effetto placebo che porta alla percezione di un miglioramento.
Il punto è che in tanti casi invece che ricorrere alle pastiglie basterebbe riuscire a cambiare vita o fare una scoperta che ce la cambi, perché se si è malati c’è sicuro qualcosa che non va nella realtà circostante, nelle persone..
intanto trovo che sia una cosa davvero buona che tu scriva qui e faccia in modo di far conoscere quello che sei all’infuori della solita cerchia.
Non vorrei impicciarmi troppo ma ti posso dire in due secondi netti che puoi anche fare a meno di essere così sollecita nei confronti delle due amiche di numero. Penso che le persone empatiche, oltre a voler genuinamente aiutare, cercano, dando affetto agli altri, di proiettare all’esterno quello di cui hanno bisogno loro. Le amiche non te lo danno, tu speri sempre che aiutandole ti riconoscano, e invece…
fa bene alla salute interiore tagliarsi le mani e smettere di aiutare, in questi casi… perché stai facendo troppo affidamento sugli altri e quello che ti potrebbero dare, così produci da sola la tua frustrazione.. non ne abbiamo bisogno. È bene lavorarci su, ritrarre mani gambe e braccia e pensare a te stessa. senza se e senza ma. Cioè...prenditi cura solo ed esclusivamente di te stessa...per il momento se vuoi, o anche per sempre.
Le persone empatiche sono le migliori e se a loro venissero dati pieni poteri salverebbero letteralmente il mondo. è un segnale della tua bellezza. Concentrati su questo ogni giorno, non sulle amiche o…i genitori.
Da soli non ci si salva, ho sentito dire… è vero per molti, non è così per altri che sono autosufficienti.
Il problema è...cosa si fa se nessuno ci salva? Non gettiamo la spugna per questo. Cerchiamo di avvicinarci un pochino alla condizione dei privilegiati, quelli che non hanno bisogno del mondo per essere felici.
È possibile farlo se ci mettiamo in testa di prendere il controllo, per prima cosa, delle nostre percezioni (“sono sola e disperata, morirò”), da cui conseguono i pensieri, da cui consegue il modo di vivere.
La vita è tua…sei padrona di te.
Se sei padrona, puoi decidere. Cosa puoi decidere? Di dirottare la tua volontà. Non bisogna farsi dominare dalle percezioni e dai pensieri, puoi essere tu (che in fondo sai cos’è meglio per te) a dominare i pensieri.
Il famoso bicchiere mezzo vuoto contiene pur sempre una quantità d’acqua. L’acqua è la tua bellezza, le cose positive che ci sono nella tua vita. Puoi benissimo assumere il controllo della tua percezione... spostare tutta la tua attenzione sull’acqua. Per quella vale la pena svegliarsi tutti i maledetti giorni.
Ripetilo nella tua testa come un mantra...acqua acqua acqua...se tu pensi a una parola che ti suggerisce qualcosa di benefico, stai subito meglio, non pensi alle tue tristezze. È una tecnica comprovata.
Voglio dire che essere padroni della propria vita vuol dire avere davanti a sé delle scelte e vuol dire automaticamente essere liberi.
La libertà è a portata di mano...o di zampa...non è necessario morire. Basta non far sì che le percezioni negative ti dominino.
Proviamo a fare un passo verso la libertà della mente...
scegli la parola mantra che richiama una cosa bella e benefica per te. Poi, qualunque cosa tu stia facendo, interrompi il flusso di pensieri per ripetere questa parola tante tante volte. Dividila in due sillabe. Inspira profondamente pensando alla prima sillaba ed espira con la bocca pensando alla seconda. Stai respirando la cosa bella e benefica. Nei momenti in cui sei impegnata con questa strana respirazione, i tuoi problemi non esistono. È una tregua. Poi i problemi torneranno nella tua testa. Ma li abbiamo indeboliti.
Combattiamo una battaglia mentale...ed è tutto nell’interiorità...non ci stiamo affidando a nessuno. Sei padrona di te e sei libera. Puoi decidere di combattere la tua bella battaglia nella tua mente. E hai un potere che deriva dal tuo mantra. Prova…..davvero. Funziona.
Ultimo punto...Il curriculum, se non è una cosa con una scadenza a breve, lo puoi compilare un pezzetto per volta. Anche per me è stata un’esperienza orripilante. In quei brutti momenti, qualcuno mi ha detto “scrivi, scrivi. non sei un nulla” e io mi sono rincuorata, terminando il maledetto compitino.
Allora ti ripeto quello che è stato detto a me che mi consideravo anche meno di fallimento….tu non sei un nulla.
Sei l’acqua del bicchiere...mezzo vuoto,o forse...chi lo sa?...mezzo pieno (:
Inserito:  10 Nov 2019 12:24
non so che problema ho.. ma qualcosa che non va c'è... sai perchè i miei non danno peso al mio star male? perchè da qualche mese ho scoperto di essere ipertiroidea. Quindi ormoni sballati, depressione, agitazione, ansia.. ma io ho tentato il suicidio a 15 anni... e fino a 2 anni fa sono sicura che questo problema non c'era (avevo fatto gia il controllo) e da 10 anni penso ed organizzo la mia morte, i biglietti , ci penso.. quindi magari questo ha aumentato il tutto ma non è l'unica causa... ma nessuno lo capisce... in più non sto seguendo la cura come dovrei perchè ho problemi col cibo e col mio corpo. grazie alla malattia ero arrivata a un peso che mi faceva piacere a me stessa... con la cura ho ripreso dei kg e mi sono buttata di nuovo giu ... non prendo le medicine con la frequenza con cui dovrei per paura di ingrasare... mi dicono che non posso fare attivtà fisica per ora perchè ho l'attività cardiaca accelerata anche a riposo .... sto prendendo peso, mi deprimo e mi rifugio nel cibo... mi abbuffo e per perdere peso sspendo le medicine per qualche giorno... so che sto sbagliando.. ma non so a chi dirlo perche mi sgriderebbero e non è quello che mi aiuterebbe ora... questa è una piccola parte dei miei problemi.. per cui il mio bicchiere ora è completamente vuoto...
Inserito:  10 Nov 2019 17:41
prendere le medicine in modo discontinuo è una tua decisione... ognuno ha il diritto di decidere della propria salute. non giudicarti e non sentirti in colpa (: se ci saranno delle conseguenze (magari nemmeno ci saranno) le affronterai quando sarai pronta a farlo. se lo desideri.. devi per prima cosa prenderti cura di te, cercare di dare un senso alla tua vita, costruire un'immagine di te che per il momento è frammentata. insomma, prima di occuparti di farmaci e tutto il resto, se ne senti il desiderio devi cercare di curare quello che si chiama spirito o anima..
sono convinta che l'anima esista e corrisponda a una forma di autocoscienza non-cosciente.
non voglio divagare ma il fatto è che anima e corpo, e mente e corpo, sono strettamente collegati. quando siamo in ansia ci viene mal di pancia, quando siamo arrabbiati contraiamo i muscoli ecc. ecc. siamo programmati per sopravvivere e il corpo fa di tutto allo scopo, reagisce al dolore, al pericolo con determinati sintomi fisici. cerca di proteggerci.
mangi tanto perchè il corpo sta cercando una soluzione alla tua sofferenza mentale. mangiare tanto procura una soddisfazione istintiva...temporanea. poi continui a farlo per poter sentire questa soddisfazione. non c'è proprio ragione di allarmarsi o vergognarsi, non è una malattia, è semplicemente il tuo caro vecchio corpo (: sono tutti meccanismi naturali.
se non sei contenta delle conseguenze sul tuo peso puoi provare a cercare altri metodi per sentirti meglio. ora usi questo e probabilmente è ingranato nelle tue abitudini da tanto tempo. difficile smettere subito...ma puoi cominciare ad affiancare a questo metodo qualcosa di diverso che ti dà meno problemi così poi puoi scegliere tra le due cose. ma non sei obbligata da una legge, devi decidere tu (:
se decidi.. ok, voglio sentirmi meglio.. l'anima ti verrà dietro nella tua decisione. ci vuole del tempo ma ti assicuro che esiste un'auto-guarigione interna.
quello che devi fare per facilitare le cose all'anima e di conseguenza al corpo è, appunto, fare tutto ciò che ti dà piacere. devi incrementare qualsiasi attività che ti piace fare. anche quella apparentemente più semplice. devi permettere a te stessa di fare quello che vuoi e al diavolo il resto.
ognuno trova la sua terapia, la mia ad esempio era composta da musica, studio del cinese (ah ah! è strano lo so), vecchie scenette comiche scaricate sul pc e passeggiate. ok, mi sentivo sola ma si trattava di un' emergenza. c'e voluto tempo ma ho dato all'anima quello che desiderava e in cambio sono stata sempre meglio.
spero di non essere nebulosa, ci sono tante cose che entrano in gioco quando si cade preda del 'male oscuro'..
io dico che le persone depresse nella maggior parte dei casi sono persone piu intelligenti degli altri.
se si ha una visione più chiara del mondo si finisce inevitabilmente per soffrirne perchè il mondo..fa schifo.
penso che tu sia una persona molto intelligente che ha tanto bisogno di affetto dagli altri e da te stessa (: sono sempre qui tanti abbracci