Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  12 Nov 2019 20:42
Ciao a tutti. E' il mio primo messaggio qui e scrivo sperando di trovare comprensione in un mondo che sento come distante..a cui sento di non appartenere.
Mi presento Mi chiamo Francesca ed ho 26 anni, studio Psicologia e sono una persona profondamente triste e sola.
Se mi incontrassi per strada, quelle rare volte che esco con qualche amico sono allegra spiritosa autoironica ma al di là della facciata c’è dentro di me un senso di vuoto e insoddisfazione costante che mi rende difficile vivere ed essere positiva.
Uno dei miei problemi è sicuramente che Soffro seriamente d'ansia. Sono costantemente agitata in quanto sento che non riuscirò a fare nulla dalla cosa più piccola ( anche ad esempio andare al bar)  alla più complessa e ciò non fa altro che farmi stare male e non godere le piccole cose….
Non ho molte amiche e sento rispetto a loro di essere inferiore non solo sul versante estetico e caratteriale ma soprattutto sul versante universitario, nonostante abbia una media alta ( circa 28) ma mi sento sempre insicura e ho paura anche di studiare sola perchè temo di non capire abbastanza di quanto leggo….agli esami  vado in panico e sto male ..infatti sono fuori corso.
Inoltre sono molto insicura sul mio aspetto e ciò mi porta ad evitare contatti con il sesso maschile perchè temo di essere costantemente giudicata per i miei difetti fisici.. quindi sono arrivata alla mia età senza aver mai avuto una relazione, cosa che ad oggi mi fa stare male però quando mi relaziono a qualcuno mi sale il panico..
La mia famiglia non capisce cosa provo veramente e sono superficiali…si limitano a consigli stupidi come non pensarci e a giudicarmi costantemente paragonandomi agli altri per mostrarmi quanto io sia meno…ed inoltre ogni qualvolta che cerco in loro vicinanza affettiva con un abbraccio mi sento dire “ la gente alla tua età ha i figli e vuoi anche le coccole?” ..tutto ciò fa si che io mi senta ancora più sola e triste.
Non so ci sarebbe tanto altro da dire ma riassumendo tutto ciò fa si' che io a 26 anni non faccio altro che pensare alla  morte e che la mia vita è inutile ..che non raggiungerò mai nulla ...e la tristezza e il vuoto non mi fanno fare altro che dormire e mangiare...arretrandomi lo studio e facendomi sentire ancora peggio.
E' un circolo vizioso in  cui non vedo via d’uscita…solo una a volte mi sembra plausibile ma poi mi terrorizzo perché non so cosa c’è dopo la vita.. ma se lo sapessi non credo che ci penserei ancora…
A volte mi chiedo : il mio cuore batte ma io sono viva?
Grazie a chi è arrivato qui giù, grazie a chi mi darà un consiglio e un po’ di comprensione.
F.
Inserito:  13 Nov 2019 16:59
Ciao F., sono dora… mi dispiace tanto leggere della tua situazione… dal tuo messaggio si percepisce molto la tua insicurezza e la tua fragilità, e sono le persone fragili e insicure come te quelle che preferisco in assoluto (: sarei davvero contenta se volessi scrivermi, e penso di poterti aiutare un pochino… essenzialmente perché posso dire di averne vissute abbastanza per poter parlare (: ma poi sei studentessa e futura psicologa perciò capirai al volo le mie chiacchiere … a proposito, super complimenti per la tua media universitaria! È ottima. Io ce l’avevo un po’ più bassa (in un’altra materia) ma mi hanno dato comunque il massimo, alla fine, quindi come in tutte le cose anche qui conta il risultato! quando ti sarai laureata quel numero te lo sarai già dimenticato e sarai orgogliosa di quello che hai raggiunto. Ma devi sentirti orgogliosa anche adesso perché è una media davvero alta. Non so quanti te la invidierebbero...ahah..
in ogni caso, non dai il giusto valore alla tua media perché la paragoni ad altre… e penso stia un po’ qui il problema, il paragone con gli altri. e magari è proprio questa la ragione della tua ansia… ti dai troppo poco valore e , al contrario, sopravvaluti le altre persone. Insomma...è un problema di autostima.
Il punto è che quella che chiamano autostima è semplicemente ciò che si pensa di sé stessi… è una semplice opinione, un parto della nostra mente, fallibile e influenzabile. come tutte le opinioni non è detto che siano vere. La nostra mente è l’ultima cosa di cui dobbiamo fidarci.
Un metro di giudizio oggettivo sulle persone non esiste in sé e per sé. Ce lo creiamo noi in base a come siamo stati influenzati e a come abbiamo reagito alle cose dall’adolescenza in poi. La cosa buffa è che una persona può essere convinta di essere insignificante e difettosa, mentre per qualcun altro quella stessa persona appare come la più incantevole che esista.. (non so se sei una fan di Twilight, è scritto in due versioni diverse la prima è il punto di vista della protagonista la seconda è il punto di vista del vampiro).
non esistono giudici dall’alto che ci danno un voto. Siamo noi stessi e basta senza nessun tipo di etichetta infamante, a meno che non ce ne mettiamo su una noi e permettiamo che ce la metta su qualcun altro.
non dobbiamo mai dare troppo credito a cosa pensano gli altri di noi.. se no non saremo mai liberi di valutare le cose col nostro metro.
Io penso che finché non si fa del male alle persone siamo tutti ok...solo in quel caso è giusto vergognarsi di sé stessi.
Ci hanno abituati a considerare tante cose in termini di superiorità e inferiorità..e chi è superiore “vince”...ma non si è mai capito cosa vincesse. Quello che conta è essere felici, e non è per nulla detto che chi ottiene il successo sia il più felice di tutti, anzi in tanti casi le persone famose, ricche, belle fanno una vita misera da quel punto di vista (chi è miliardario può tranquillamente aspettarsi che lupi travestiti da agnello gli si attacchino addosso per il proprio tornaconto e per questo faccio tutto fuorchè invidiarli, idem per le donne bellissime, che non hanno affatto la garanzia di essere apprezzate anche per come sono dentro).
È tutto relativo. Quello a cui bisogna puntare è la propria felicità indipendentemente dalle quattro acche sul successo che abbiamo imparato a memoria.
Se le tue amiche hanno voti più alti dei tuoi questo non dice proprio nulla su di te. non vuol dire che ti sono superiori, sei completamente fuori strada (: La ragione del dislivello dei voti può essere dovuto a varie cose. ad esempio, sono più veloci nel memorizzare nozioni e per questo sono avvantaggiate, sanno rispondere perfettamente alle domande. Ma la velocità o è frutto di allenamento (magari hanno avuto insegnanti a scuola che le hanno esercitate a imparare in un certo modo) o di caratteristiche innate del loro cervello (forse ereditate o casualmente presenti dentro di loro alla nascita). Io al tuo posto, sinceramente, non me ne preoccuperei nemmeno… loro sono loro e tu sei tu. Anche tu hai le tue caratteristiche e la tua storia, con la stessa identica dignità di tutti gli altri.
Solo per il fatto che esisti, hai la stessa dignità.
La tua ansia è data dalla paura di soffrire nel vederti “fallire”… so che è una cosa così dolorosa, a volte, da provocare un dolore lancinante, distruttivo. Ma lo si può superare capendo che è tutto nella nostra testa. Quel dolore, anzi, l’orrore di vedere un brutta immagine di sé allo specchio è frutto del condizionamento. “devi essere questo e quello, devi essere sempre di più, devi fare sempre di più”...ma chi dice che queste chiacchiere abbiano un valore? Perché non ci viene insegnato “devi essere orgoglioso di te, devi apprezzarti?” insomma, perché dobbiamo per forza vivere con la paura di voti e castighi?
Avrei altro da dire ma ho già blaterato troppo, se vuoi la seconda puntata non hai che da dirlo. (: Intanto abbracci da dora
Inserito:  14 Nov 2019 22:21
Cara Dora, Inanzitutto grazie delle belle parole che mi hai scritto mi hai tirata un po’ su di morale…ci vorrebbero più persone con la tua empatia in questo mondo.
Sicuramente mi andrebbe di parlarne in privato se sai come si fa scrivimi in privato i tuoi dati.
Per il resto che dirti sicuramente è la mia autostima il più grande problema e so che confrontarsi con gli altri a volte è deleterio ma purtroppo fa parte dei miei automatismi che non riesco ancora a combattere…il senso di inferiorità è qualcosa che mi genera malessere e come una profezia che si autoavvera finisco per non riuscire a impegnarmi a causa dei miei pensieri intrusivi….le mie amiche avanzano e io resto indietro e allora finisco per confermare i miei pensieri “ sei stupida..sono migliori”! So che razionalmente non è detto che sia cosi’ ognuno ha le sue qualità e i suoi tempi ma quando l’angoscia si fa sentire  non trovo mai nulla di positivo nella mia persona e nei miei traguardi e anche i successi li attribuisco alla fortuna di alcune domande.
Ho trovato stra bello il rimando a Twilight e soprattutto è vero.. ogni cosa è soggettiva.. se solo riuscissi a metterlo anche in pratica.. fidandomi degli altri, invece il giudizio mi paralizza e finisco sola infelice e senza esperienze. So che se riuscissi ad andare oltre la paura e le mie paranoie potrei vivere meglio ma attualmente è come se solo l’idea mi paralizzasse.
Anche ciò che mi hai detto sul mio corpo sono giuste, nel senso che il  non accettarmi dipende sicuramente da chi mi fa sempre notare che non vado bene…e i primi sono i miei genitori, in particolare mio padre che non fa altro che dirmi che sono brutta e grassa… ti giuro che fa male..perchè io sono una di quelle persone che ha empatia e MAI giudicherei qualcuno per il suo fisico o per qualche altro motivo..ma se il primo che lo fa è mio padre è naturale che temo che altri possano farlo.
Detto questo, vorrei tanto riuscire a sentirti in privato è bello constatare che esistano persone che sanno ancora vedere il bello negli altri.
Grazie del tempo che mi hai dedicato.
Un affettuoso abbraccio
F.
Inserito:  16 Nov 2019 17:02   Ultima modifica di: marty
...
Inserito:  16 Nov 2019 17:09
ho letto il tuo messaggio, vorresti che ne parlassimo con più privacy? (: piacerebbe tanto anche a me sentirci in privato amica mia... non so se posso darti qui il mio indirizzo email! una volta l'ho postato sul forum ma mi è stato detto che non era permesso.. insomma ho fatto qualcosa che non dovevo, anche se non mi era chiaro il motivo (: magari se qualche moderatore sta leggendo mi può dare una dritta?
Inserito:  17 Nov 2019 13:19
ah, mi aveva loggato con il vecchio nick...sono sempre io, dora