Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  22 Nov 2019 16:12
la  mia storia è quella di molti altri: una famiglia disfunzionale con un padre anaffettivo e che ti butta giù ogni volta anche i piccoli successi che hai, un madre che si occupa solo di tuo fratello e che ti chiama qualche volta solo per la sua coscienza, niente amici mai avuti, un marito che negli ultimi tempi ti fa sentire meno di zero perchè non hai un lavoro e perchè sei sbadata, non sai fare niente. mi sento una fallita,ho già avuto periodi di depressione è gli psicologi che ho avuto non sono riusciti a farmi sentire meglio. Non riesco a trovare nessuno che mi comprenda e questo mi fa sentire male. vorrei solo un pò di comprensione.
Inserito:  22 Nov 2019 16:49
ciao... si penso che altre qui si sentano così, in una situazione simile alla tua.. Io sono messa leggermente diversa, ma come dico sempre il nostro male è sempre lo stesso... una bolla nera dentro di noi che se non teniamo a bada arriva ad avvolgerci completamente .. Io sto uscendo ora pian piano da un periodo di crisi.. ti posso dire come.. sperando possa aiutare...
Ho passato 20-30 giorni in casa, a fare nulla...ma nulla nulla nulla.. poi la psicologa mi ha detto senza giri di parole che non posso aspettare che i miei si sveglino dal loro tepore anaffettivo.. mi ha devastata.. ma dopo questo "lutto" .. ho fatto una lista.. con anche le cose più sciocche (tipo mettere la crema viso tutte le mattine) ... e ho scritto , poche cose.. meno di 10 (mettere la crema, fare qualche esercizio fisico, fare cv, cercare lavoro ecc) ogni giorno cercavo di fare qualcosa.. non per forza tutto .. mi sono presa il mio tempo, mi tappavo le orecchie alle critiche dei miei (anche se male fanno sempre male) ... e pian piano ho ripreso a fare le cose.. rendendomi conto che , per esempio, allenarmi la mattina mi rende la giornata migliore.. per me stessa insomma... come la psico mi dice "Un po di sano egoismo" ed è giusto.. perchè noi che stiamo male soffriamo per gli altri e pensiamo poco a noi.. ecco il mio consiglio è di farti la tua lista, parti dalle piccole cose e pian piano vai avanti coi tuoi tempi.. ignora come puoi le critiche altrui, i giudizi che tanto piace sputare alla gente. Giudicano perchè non sanno, e non sapranno mai perchè se non vivi questo malessere non puoi capirlo.. è una loro mancanza, non tua <3  Be strong! Noi donne siamo delle rocce! Siamo forti! Fanculo a chi dice il contrario !
Inserito:  22 Nov 2019 17:08
grazie del tuo messaggio. Mi hai dato un pò di sostegno in questo brutto momento. proverò a concentrarmi più su di me con  piccoli passi. anche se sarà molto difficile iniziare di nuovo a ricominciare dopo che la vita ti manda tanti colpi bassi. ma ci proverò, non so se ci riuscirò.
Inserito:  23 Nov 2019 08:58
ciao giuly, io sono dora, piacere...se vuoi segui il mio consiglio... ricordati sempre che sei nata per essere felice, indipendentemente dagli altri. hai detto giusto: "ti senti" una fallita. ti senti così, ma non lo sei. quello è un semplice giudizio che dai su te stessa, partendo dalla percezione di ciò che pensano gli altri di te. la chiave è nel come ti senti, un'opinione di te stessa distorta che ti condiziona completamente la vita. quello che dicono e fanno gli altri nei tuoi confronti, in questo momento, conta di più per te che la tua stessa opinione su te stessa. è normale, siamo stati educati all'interno di una società che ruota intorno a giudizi e pregiudizi. abbiamo imparato a dipendere dagli altri, a essere insicuri. non è un caso. nessuno ci verrà mai a insegnare l'indipendenza perchè è pericolosa per la stabilità sociale, inoltre si venderebbero meno cianfrusaglie, che convenientemente associano all'idea di felicità. io personalmente trovo odioso questo sistema di cose. in ogni caso...la chiave sta nella tua mente, cioè all'interno e non all'esterno. bisogna sempre partire dal presupposto che ciò che si pensa e si percepisce non corrisponde necessariamente alla realtà, quindi dubita sempre dei tuoi pensieri, chiediti da dove vengono. tu dici "mi sento una fallita, sono una fallita", chiediti il vero perchè, e vedrai che scavando bene capirai che tu non lo pensi davvero, hai solo imparato a farlo, e la cosa ti fa stare molto male, ti stai facendo tanto male...per niente! manda a quel paese tutti quanti senza se e senza ma e sii orgogliosa di quello che sei. se te ne convinci non ci impiegherai molto tempo a cambiare prospettiva e sentirti davvero meglio. dal mio punto di vista, altre strade non ce ne sono (: se vuoi parlarne sono qui
Inserito:  23 Nov 2019 20:00
Spero di riuscire a sentirmi meno sbagliata, anche se sono ormai anni che ho questo schema di pensieri. Purtroppo è difficile non farsi condizionare da quello che dicono le persone, sopratutto se sono persone di famiglia come mio padre mia madre o mio marito.
Inserito:  23 Nov 2019 20:12
so bene cosa significa ed io per avermi fatto condizionare dalla famiglia ho fatto errori e lo pagata a caro prezzo, ti do un consiglio ascolta solo il tuo cuore!
Inserito:  23 Nov 2019 21:33
ciao giuly, sei sempre in tempo a cambiare modo di pensare, te lo garantisco...capisco bene i tuoi dubbi, sono cose che vanno avanti da una vita e si ha l'impressione di non poter più combattere contro certe rocce interne. ma puoi stare tranquilla che se cominci questo percorso i risultati ci saranno. per dirla in modo un po' banale, è qualcosa di simile al "trovare sè stessi"...frase un po' nebulosa che però in questo caso vuol dire che guardando dentro di te tagliando fuori qualsiasi influenza esterna scopri cosa vuoi davvero, cosa ami fare, i valori a cui non rinunceresti mai, e da lì a capire chi sei veramente il passo è breve.
appunto sono tanti anni che hai certi schemi...ma niente è incastonato per sempre nel cervello, siamo molto più flessibili al cambiamento di quanto sospettiamo.
liberati dal desiderio di essere approvata, elogiata, accettata, non è così che avrai veramente la serenità. le persone, soprattutto quelle più vicine, sono volubili. ammesso e non concesso che si accorgano del tuo forte disagio, non è garantito che cambino. è normalissimo e umanissimo desiderare di essere inclusi in un nucleo, familiare o no, è anche parte della strategia di sopravvivenza di cui madre natura ci ha forniti..
ma ora basta, è arrivato il momento di prendere in mano la tua vita, perchè non devi farti perdonare niente da nessuno, e non devi niente a nessuno.
devi capire che le mancanze di rispetto e di tatto da parte degli altri non sono più accettate. se fanno così alla fine non ti meritano affatto. tu sei tu con le tue qualità e il tuo carattere, questo va rispettato assolutamente.
questo non è un tradimento nei confronti dei tuoi familiari, o una ribellione verso il mondo. è la base del benessere che devi costruirti. lo devi a te stessa. se no, non vedi che continuerai a essere depressa? non è quello che vuoi, giusto?
dai, vedrai che se rifletterai bene sui consigli che trovi e potrai trovare qua, prima o poi qualcosa si muoverà nel tuo io. scatterà la voglia di rivalsa e di darti l'importanza e la dignità che meriti.
non ti preoccupare di non avere appigli perchè hai già dentro questa spinta...la depressione non è altro che il segnale che vuoi toglierti di dosso questi pesi insostenibili. approfitta di questo forte segnale, viene per aiutarti, ascoltalo perchè questa tristezza vuole parlarti e dirti che è ora di cambiare strada (:
Inserito:  23 Nov 2019 23:20
Grazie della comprensione. Avevo bisogno di un po' di ascolto. Non riuscivo a parlate con  nessuno, perché nessuno riesce a comprendere quello che mi succede. Anche se sono di famiglia. Tutti pensano che mi butto giù e lo faccio apposta.
Inserito:  24 Nov 2019 00:28
ma tu sai che non è così giuly, ed è questo che conta (: e ovviamente lo so anch'io.
hai bisogno di far uscire tante cose, sfogati quanto vuoi, qui o da sola, ti farà molto bene, anche se non ci conosciamo personalmente ci tengo davvero che tu stia meglio. buona notte e spero a presto, tanti abbracci
Inserito:  24 Nov 2019 11:25
Grazie. Spero di riuscirci ma ho ricominciato tante volte che non so se ce la farò. Io spero di poter risalire da questo buco nero.
Inserito:  27 Nov 2019 19:13
sono in un periodo un pò brutto e cerco conforto e consigli per riprendere in mano la mia vita. mi sento come se stessi immobile mentre gli altri vanno avanti
Inserito:  27 Nov 2019 19:43
anche a me è successo, su suggerimento del mio terapista ho ricominciato a muovermi, andare a correre tutti i giorni 20 minuti. il mio cuore ha ricominciato a battere, mi è tornato l'appetito, ma era solo l'inizio. E poi calma e sangue freddo.
Inserito:  27 Nov 2019 21:09   Ultima modifica di: dora
ciao cara, sono contenta di rileggerti... e sono contenta che hai intenzione di riprendere in mano la tua vita! come sempre...la chiave è non guardare quello che fanno gli altri (: ricordatelo! tu sei tu! ho imparato (perchè l'ho sentito ripetere trecento volte in un programma radio) che non bisogna mai, mai, mai pensare che gli altri abbiano una vita migliore della nostra, quindi mai fare paragoni, perchè non si può sapere cosa ci sia davvero sotto la facciata, c'è frustrazione e sofferenza nascosta ovunque ("le persone più felici che conosco sono quelle di cui non so molto"). quando mi ritrovavo a invidiare chi aveva una vera famiglia, o chi sembrava essere benvoluto da tutti, automaticamente ripensavo a ciò che avevo sentito alla radio e bloccavo sul nascere ogni paragone e risentimento, pensando invece a ciò che avevo io, ai doni che la mia vita mi ha dato. per un po' di tempo, cerca di andare avanti col paraocchi, non guardare gli altri, non ascoltarli...sposta il centro tutto su te stessa. secondo...sai cosa potresti fare, di pratico, per sentirti padrona della tua vita? cerca qualcosa che ti piace fare, comincia, nella ricerca, con qualcosa di banale, tipo quando si fanno le ricerche su internet si va da una pagina all'altra, da un link all'altro...qualcosa che ti fa stare bene, qualsiasi cosa! non so, avevo letto di una signora, seriamente depressa dopo aver perso il marito, che si sentiva un po' meglio mentre sbucciava le patate. ecco, può essere pelare le patate o studiare neurochirurgia, non conta, conta come ci si sente. nella scoperta di questo piacere e nella ripetizione concentrata del gesto, ci si stacca dal proprio tormento e si entra in una dimensione diversa. prova a cercare questa dimensione concentrandoti in un'azione o un'attività che ti piace. devi attivare la tua mente, portarla su binari completamente diversi per interrompere il circolo dei pensieri fissi e dolorosi. che ne dici? prova!
Inserito:  28 Nov 2019 09:51
Grazie dei consigli ne avevo bisogno. vi chiedo se posso consigliarmi ancora con voi perchè con chi mi conosce non riesco a parlare seriamente di questi problemi. cercherò di seguire i vostri consigli
Inserito:  28 Nov 2019 22:45
io ci sono sempre, spero di esserti utile. buona notte un abbraccione
Inserito:  29 Nov 2019 17:36
Grazie del sostegno . ne ho bisogno veramente in questo momento.
Inserito:  05 Dic 2019 20:14
Oggi è una giornata no. Ho litigato con mio marito perché secondo lui non pulisco bene casa e io gli ho detto che in questo periodo non sto bene e faccio fatica. Per lui io non ho voglia di fare niente. La prende per una scusa. Non capisce i miei problemi.
Inserito:  05 Dic 2019 20:19
Mi sento una fallita non riesco a tenere pulita neanche la mia casa
Inserito:  05 Dic 2019 20:44
Non posso neanche fare una battuta per sdrammatizzare che mio marito si arrabbia sempre con me. Ho paura che mi odia
Inserito:  05 Dic 2019 20:54
Non ho nessuno con cui parlare.
Inserito:  05 Dic 2019 21:49
Digli che può pulirla lui la casa se gli fa tanto schifo. Siete una coppia! Mica sei la sua donna delle pulizie ma scherziamo ?
Assolutamente non farti trattare così! Come si permette di dirti queste cose? La sofferenza ed il dolore delle persone non è da sottovalutare MAI!
Inserito:  05 Dic 2019 22:10
Grazie del sostegno.ne ho veramente bisogno