Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  08 Dic 2019 14:42
Non riesco a trovare una via di uscita al dolore che provo. Non vedo una scelta o possibilità che non mi porti a soffrire. Mi sento bloccata, vorrei solo svanire. Ho paura di morire ma non voglio più vivere, vorrei solo non essere mai nata, vorrei non esistere. Provo ansia verso ogni cosa della mia vita. Ho vissuto all'estero per qualche mese in un programma di scambio con l'università, e so che la mia vecchia vita e tutte le sue ansie sono a casa ad aspettarmi, e il momento è sempre più vicino. Tornerò a vivere coi miei genitori, a cui voglio bene ma la cui presenza genera ansie nella mia vita. Ho paura di perdere anni all'università, vedo gli esami come un peso insormontabile. Non mi sento all'altezza, e per quanto mi sforzi non riesco a raggiungere i risultati che spero. Non so se questa è la strada che fa per me, ho paura di fallire, ma ormai è troppo tardi per tornare indietro, mi manca un solo anno per la laurea magistrale. L'università mi ha portato via tutto, non ho più amici, non ho più autostima, non ho più il tempo di dedicarmi ai miei interessi, non ho mai avuto il tempo per stare davvero con il mio ragazzo. Abbiamo dei problemi che non so se sono più risolvibili, e sono ad aspettarmi appena tornerò a casa. Non so se staremo più insieme, ma io sono ancora innamorata, ma forse lui non vuole quello che voglio io  dalla vita. Non riesco a immaginare una vita senza di lui dopo questi 4 anni che siamo stati insieme. Ieri sera ho avuto un attacco di panico e sono tornati pensieri che avevo sepolto dentro di me negli ultimi anni. Quando ero adolescente ho avuto degli anni difficili in cui il pensiero della morte mi accompagnava ogni giorno, mi addormentavo piangendo tutti i giorni, in ogni cosa che facevo il pensiero della morte non riusciva ad abbandonarmi, era persistente. Sono riuscita ad uscirne anni fa, ma forse l'ho solo represso con tanta forza di volontà. Vorrei solo che qualcuno mi aiutasse, ma nessuno può dirmi cos'è giusto o sbagliato e quali decisioni è meglio prendere nella mia vita. Ma io non voglio, sono stanca di stare male e sentirmi una nullità. E il pensiero di persone che hanno problemi più gravi dei miei mi fa sentire ancora più stupida e inutile, vorrei sono cancellarmi. Vorrei sparire. Sento che nessuno ha voglia di ascoltarmi, per questo ho smesso di parlarne con le persone. Non ho mai avuto il coraggio di andare dallo psicologo, pensavo di essere abbastanza forte da uscirne da sola. Ma ora sento che il mio piccolo mondo si sta disintegrando e che non mi resta più niente. E non voglio affrontare tutto questo.
Inserito:  08 Dic 2019 23:29
Ciao Milly e benvenuta in questo club, ho letto un paio di volte il tuo messaggio, mi sei sembrata una ragazza molto coraggiosa, sei solo pressata dal peso degli eventi che dovrai affrontare e mi sembra anche normale. Hai un percorso di studida finire, che sia o no quello che farai nella vita, vale la pena gettare via tutti i sacrifici che hai detto di aver fatto? Per quanto riguarda il fidanzato, hai mai parlato veramente con lui del tuo malessere, ci siete mai chiesti come vi immaginavate il vostro futuro? Prova a parlare con lui. Hai ragione, nessuno ti può dire cosa fare perché nessuno ha indossato le tue scarpe e fatto il tuo percorso, hai solo bisogno di un pó di incoraggiamento per andare avanti, hai perso la motivazione che ti ha spinto fino ad ora. Un passo alla volta, ce la farai. In bocca al lupo, se ti va continua a scrivere. Ti abbraccio
Inserito:  12 Dic 2019 02:55
Salve.
Ho letto il Suo post e anch'io ho pensato che Lei è una donna molto gentile e coraggiosa, soprattutto ha un'esperienza di studio all'estero.
(Mi presento, non sono italiana però voglio studiare in Italia.)
La auguro di buon studio.
Dal Giappone. Honoka