Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  13 Mag 2020 17:37   Ultima modifica di: admin
post rimosso su richiesta dell'utente
Inserito:  14 Mag 2020 20:37
Vivere  è sopportare.
Inserito:  14 Mag 2020 21:09
Potresti voler fare un cambiamento nella tua vita per cui non hai ancora i mezzi e lì stai tirando fuori a forza di dolore. In fondo ci possono essere tanti motivi per la tua insoddisfazione ma qui ti chiedo perché mai dovresti essere soddisfatto della tua vita perché questa vada bene? Finché poni condizioni a te stesso per stare bene secondo me stai sfruttando un potenziale, ma chissà se puoi viverla del tutto. Chissà se io posso viverla del tutto. Potrei dirti che le tue sono tutte cagate, come tu potresti dirmi che le mie parole non hanno senso. In entrambi i casi il tempo passa e l'unica differenza importante ora è che cosa hai pensato e quindi sentito e quindi probabilmente fatto (o non fatto, in base a cosa pensi), di questo tuo tempo? Forse dai troppa importanza a certe cose e la paura fa faville con le fissazioni. Non si può stare sempre bene, ma il male non è sempre sinonimo di malvagio, cerca di imparare a vivere utilizzando te stesso, invece che ricercare la voglia in qualcosa che ti dia il senso del tuo essere.. che poi questa è per davvero una domanda da farsi che secondo me è spesso inutile, non tanto perché non sia intelligente ma perché chi di noi ha il discernimento per concepire un senso assoluto e sempre valido per la propria vita? Sono labirinti, forse non trovi un senso al tuo tempo e tutto risulta uguale perché hai abitudini tossiche e sei troppo piccolo per cambiarle. Nessuno ti costringe a fare niente per te stesso, qui sta una sfida. A nessuno gliene potrebbe importare nulla di me o di te come potremmo essere degli adoni, però sarebbe questo a farci continuare a vivere? La felicità perpetua non esiste, come qualsiasi cosa all'infinito. E se me lo consenti c'è parecchia presunzione nel "rimango insoddisfatto", perché che cosa vuoi? Cosa ti fa pensare di dover avere tutte le risposte alla tua vita senza metterti in dentro ed accettarla ed esplorarla.. a questo punto che ne sai di quello che stai dicendo? Che ne sai della felicità se è il tuo unico pensiero o desiderio? Sì riflette come una moneta questo, perché quando essa non c'è sei assoggettato alle sue mancanze e quindi al dolore e alla noia, ma tu cerchi la felicità, perché questo? È quasi assillante. C'è tanto da scoprire di noi stessi anche in tutto il resto. Alla fine questo è uno spazio libero di conversazione e non voglio accondiscendere con frasette dolcine.. perché quello che ti dico lo penso anche per me. Domande utili? Certamente, fai in modo che anche la risposta sia utile al tuo olistico benessere
Inserito:  15 Mag 2020 07:20
Non ne sono del tutto cosciente ma per quello che ho capito in questo momento della mia vita è che devo sopportare me stessa.
Che una ragione ci deve pur essere.
Le altre sono convinzioni non originali.
Chissà cosa stai pensando in questo momento.
Non lo so. Forse non avrai un’altra occasione.
Da quanto vivi così? Sarà un anno?
Che ti devo dire? Sarebbe l’equivalente di un anno sabbatico, non è così grave se ti fermi per un anno o due, a pensare a cose. Semplicemente libero di pensare, senza essere logoro di lavoro o studio.
Sto tirando a indovinare
Forse non vuoi rispondere per forza agli stimoli esterni. Forse vorresti essere.... boh? Più vicino a Dio che agli uomini.