Prima di partecipare leggi le Regole del Forum
»Utente: »Password:   Auto-login 
Inserito:  12 Feb 2021 13:02
Ciao,
Scrivo per sfogarmi... se non volete che la vostra mente ne risenta, non leggete.
Sono anni che non esco dalla mia esistenza insulsa. Ho 21 anni e non ho patente o un lavoro. Ho un diploma e non ho proseguito gli studi. Vivo così da quando ne ho 18. Mi sono rinchiusa in casa (hikikomori) per un anno, l'anno scorso sono stata qualche mese in inghilterra a fare la cameriera. Poi sono tornata a casa, mia mamma aveva un tumore metastatico. Aveva poco da vivere e lo sapevamo tutti in casa. Lei ha continuato le cure perchè pensava di salvarsi. Io sostanzialmente non ho fatto niente per aiutarla, ho lasciato che la mia vita scorresse via come niente fosse, come quando mi ero rinchiusa in casa. Lei era quella che mi aiutava sia economicamente sia mentalmente. Era una roccia. Ora è in cielo e io ne parlo sempre con tutti. Mi pare di star sfruttando la sua memoria. Mi pare che la mia vita non abbia senso. E la morte di mia madre non è la causa. Anche prima ero così. Lei voleva solo vedermi felice... ma ho sempre pensato che non ce l'avrei mai fatta in questa vita. Aspettavo il giorno in cui avrei avuto il coraggio di appendermi. Intanto di tempo ne è passato. Pensavo che il giorno in cui sarebbe morta avrei potuto liberarmi anch'io. Non è stato così e sono ancora qui, a vivere un'esistenza fasulla sulle spalle di chi mi vuole bene: prima era mia madre ora i miei nonni e mio fratello. Mi son messa a studiare per patente. Sto cercando lavoro. La mente però torna sempre alla morte, la mia casa. Non capirò mai l'attaccamento alla vita che ha avuto mia madre così come non capisco perchè nonostante tutto non mi sono ancora impiccata. Forse è solo perchè non sono abbastanza disperata, mi si capovolge lo stomaco quando mi metto il cappio. O riesco a cambiare la mia vita o prendo la morte eterna. Preferisco la seconda, meno faticosa. Sono ancora qua.
Un saluto
Inserito:  06 Apr 2021 00:48
Perdere un genitore è una delle cose più brutte che possano capitare nella vita, ma almeno hai la consapevolezza che lei ti amava e voleva il meglio per te. Questo deve darti forza ogni giorno. Cerca di prendere la patente e piano piano cercare un lavoro, questo ti aiuterà a svagare la tua mente e avrai meno tempo per pensare alle cose negative.
Anche io penso di impiccarmi, ma non trovo mai il coraggio di farlo. Forse dobbiamo solo essere forti e andare avanti.